Home / In-Giustizia / La giustizia sta morendo

La giustizia sta morendo

La giustizia sta morendo, non stiamo a guardare

Che tristezza l’ennesimo provvedimento che non tiene conto delle Vittime dei reati e di quei liberi cittadini la cui sorte potrebbe diventare terribile, e poi essere considerata un insignificante “effetto collaterale”.

Che società è quella che mette davanti al diritto alla vita, all’integrità, alla salute dei cittadini onesti, un altro diritto che potrebbe essere soddisfatto già domani senza, appunto, effetti collaterali? Che civiltà è quella che annullando la pena per alcuni reati annulla la forza della legge e ne svilisce la necessità?

La giustizia non può essere clemente con chi abusa della propria libertà negando quella altrui, con chi fa del male ai suoi simili, perché quel male nella clemenza si nutre e cresce fino a diventare così grande da sovrastare tutto. E se una giustizia equilibrata non è possibile, allora dobbiamo darle un altro nome o decretarne il decesso.

Se non può ristabilire che un equilibrio sommario, approssimativo e pendente da una parte soltanto, allora anche la giustizia può essere sepolta. E con lei la civiltà.

Nessuno di noi può scagliare la prima pietra e dire: in me agisce solo ciò che è indiscutibilmente buono e giusto. Dostoevskij, di fronte al compito di scrivere L’idiota, afferma che nulla è più difficile come rappresentare una persona che sia totalmente buona, libera dal male. Nessuno lo è.

Ma se davvero siamo diversi dalle bestie feroci, se non siamo solo pulsioni, istinto, da giustificare sempre e comunque ad ogni costo, allora abbiamo una ragione in più per non giustificare il male che è in noi. Non è questione di opinioni o di ideologia. La cronaca nera, mentre scrivo, vomita il suo triste bollettino.

Ci sono giorni in cui i delitti si susseguono uno dietro l’altro. Stragi che ormai viviamo come ordinarie. Alle quali c’è chi trova perfino una giustificazione. C’è chi ribalta i ruoli trasformando i colpevoli in vittime e gettando le vittime la seconda volta in un burrone. Quello del nulla che stiamo vivendo. 

Il DDL che si discute in questi giorni è cieco e sordo. Non solo non risolve il problema delle carceri, che invece aumenterà e non è rieducativo. Ma è anche discriminante nei confronti di vittime che chissà perché vengono ritenute meno vittime di altre. E di reati che chissà perché sono ritenuti meno gravi di altri.

E intanto i ladri di esistenze riescono a infiltrarsi nelle nostre vite, nonostante le condanne, certi che prima o poi una falla nel sistema li potrà liberare,, o potrà farlo  una legge come questa che renderà lo Stato il mandante di nuove morti, di nuovi stupri, di nuovi delitti schifosi.

Il sovraffollamento non si risolve così, ci sono altri mille modi che si possono applicare già da domani senza mettere a rischio la vita altrui, senza calpestare la dignità delle vittime, senza indebolire la forza delle leggi.

I parlamentari si guardino dentro e si assumano la responsabilità delle conseguenze.

Ricordino l’indulto del 2006. Morirono molte persone negli anni seguenti per mano di indultati. Con provvedimenti simili rischiamo di bruciare, in una società in cui l’economia domina sulla morale, il diritto alla vita. Il principio di legalità. L’ideale di giustizia. Bisogna tornare a parlare di certezza della pena, una garanzia di democrazia per gli altri cittadini, che altrimenti piombano nell’incertezza. Un diritto per le vittime. Un deterrente obbligato.

E allora 10 domande a chi è a favore di questa legge sono d’obbligo: 

  • 1) potete affermare oltre ogni ragionevole dubbio che questo provvedimento non causerà nuove vittime? 
  • 2) Avete giurato che avreste fatto l’esclusivo interesse degli italiani. Questo provvedimento e ogni altro eventuale provvedimento d’impunità più o meno velato, va incontro all’esclusivo interesse di tutti gli italiani? Se sì, in quale forma? 
  • 3) Avete mai contato le vittime dell’indulto?
  • 4) Il Ministero della Giustizia ha una sezione che si occupa di verificare l’impatto che provvedimenti di totale o parziale impunità hanno sulla popolazione? 
  • 5) C’è un organo che verifica la relazione tra questi provvedimenti e l’aumento dei reati? 
  • 6) Chi paga, nell’eventualità ragionevolmente possibile che anche una sola persona possa subire violenze o morire ammazzata a causa di questi provvedimenti? 
  • 7) Che cosa intendete per pena equa? 
  • 8) Che cosa intendete quando affermate che il carcere deve essere solo un’extrema ratio? 
  • 9) Cosa rispondete alle vittime dei reati che si sentono oggi tradite dallo Stato? 
  • 10) Potete gentilmente rendere noti a tutti gli italiani quali sono i reati i cui colpevoli usufruiranno dei benefici, spiegando bene la parte relativa alla recidiva e le possibili conseguenze sul diritto alla salute, alla vita, all’integrità e anche alla sicurezza? 

Barbara Benedettelli

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

50 Sfumature di Violenza – Booktrailer

50 Sfumature di Violenza di Barbara Benedettelli
x

Check Also

Legittima difesa

Legittima difesa?

Ragazza arrestata dopo avere accoltellato il padre per difendere la madre aggredita. E’ legittima difesa? ...