La politica tuteli Abele

La politica tuteli Abele

La politica tuteli Abele. C'è poca attenzione verso le Vittime dei reati. C’e' un mondo vasto che intravediamo soltanto. E’ il mondo delle Vittime della violenza. Dei familiari di chi e' stato ucciso. Ci spaventa. Le nostre paure sono tutte lì, realizzate. Solide come pietra. E’ lì quel dolore che lo stesso Gesu', ancora uomo, ha sofferto nella sua carne trafitta. Quel male fisico e dell’anima che ha colpito e macellato il cuore di Sua madre. Impotente di fronte all’ingiustizia, all’assassinio di Suo figlio. Piegata. Scarnificata. Come piegate e scarnificate sono ancora oggi migliaia di persone alle quali è stato…
Leggi il resto
Carlo Alberto dalla Chiesa, mio padre

Carlo Alberto dalla Chiesa, mio padre

Rita Dalla Chiesa “Quel” 3 settembre ero sola in casa, stavo guardando in televisione un film con Romy Schneider. Avevo aperto la porta del terrazzo per sentire il profumo della mia pianta di gelsomini. Squilla il telefono. E’ Paolo, un mio amico del TG2. “ Spegni la TV e esci. Ti porto a prendere un gelato. Raggiungimi in via Teulada”. Riattacca senza darmi nemmeno il tempo di rispondere. Strano, chi fa questo mestiere sa che niente e nessuno riesce a staccare un giornalista dalla sua redazione, soprattutto se deve andare in onda l’edizione di mezza sera. Spengo con il telecomando…
Leggi il resto
Lettera aperta di una madre a chi le ha ucciso un figlio

Lettera aperta di una madre a chi le ha ucciso un figlio

Lettera aperta di Elisabetta Cipollone a chi le ha ucciso il figlio in un omicidio stradale... «Gentile signor C. A., non ci conosciamo, o meglio io non la conosco personalmente. Conosco perfettamente tutti i suoi dati come da verbale di polizia, ma non l'ho mai vista in faccia, guardata negli occhi e non conosco la sua voce. Quella sera maledetta, quando ormai il mio bambino giaceva esanime travolto dalla sua autovettura, probabilmente lei, insieme alla sua famiglia, si era blindato in macchina, vedevo in lontananza le sembianze di sua moglie e dei suoi bimbi e non mi sono avvicinata. L'ho…
Leggi il resto
La vita va difesa e deve avere un “prezzo”

La vita va difesa e deve avere un “prezzo”

La vita, va difesa. Smettiamo di maltrattarla, spezzarla, buttarla via  "La nostra vita qui e ora è una condicio sine qua non, una condizione senza la quale non c’è null’altro. Possiamo permetterci di svalutarla? Possiamo permetterci di trattarla come carta straccia, come oggetto del desiderio, come mera illusione? Possiamo disprezzarla al punto da perdonare con facilità chi la frantuma? Davvero la libertà pesa più della vita? Un giovane Vittorio Foa, dal carcere in cui si trovava a causa delle sue idee politiche, scriveva che «Ogni vera libertà non può esprimersi altrimenti che nel poter scegliere come rinunciarvi». Ebbene, chi fa del…
Leggi il resto
Morti d’indulto

Morti d’indulto

Morti a causa dell'indulto, la responsabilità è anche dello Stato L'indulto fa morti. "Ci sia certezza che la pena corrisponda alla condanna e che la condanna corrisponda al reato, perché in questa certezza soltanto c’è la possibilità di rieducare chi ha commesso la peggiore delle azioni. C’è la solidarietà verso chi quell’azione l’ha ricevuta e il rispetto del senso di sicurezza, che rende i cittadini liberi di vivere senza paura. E tra le cause dell’insicurezza c’è anche l’imperfezione di alcune leggi e il fatto che siano spesso contrastanti, per esempio la legge sull’indulto «è in stridente contrasto con la quasi contemporanea…
Leggi il resto

Agire per il bene comune

Agire per il bene comune, cosa significa? Oggi possiamo definirci liberi. Liberi di autodeterminare i nostri destini. Le nostre vite. Ma ancora non siamo stati capaci di renderci liberi di vivere... C’è un mondo vasto che intravediamo soltanto. E’ il mondo delle Vittime della violenza. Dei familiari di chi è stato ucciso. Ci spaventa. Le nostre paure sono tutte lì, realizzate. Solide come pietra. E’ lì quel dolore che lo stesso Gesù, ancora uomo, ha sofferto nella sua carne trafitta. Quel male fisico e dell’anima che ha colpito e macellato il cuore di Sua madre. Impotente di fronte all’ingiustizia, all’assassinio…
Leggi il resto

Vittime per Sempre, perché questo libro

PERCHE' QUESTO LIBRO Tratto da Vittime per Sempre di Barbara Benedettelli ( Aliberti Editore)   “Una Costituzione garantista può menzionare tra le sue pagine solo i diritti degli imputati? Le Vittime hanno il diritto di entrare a pieno titolo in una Carta che viene ritenuta tra le più belle del mondo? Hanno il diritto di avere garanzie di protezione, di solidarietà economica e sociale, di restituzione, in qualche forma condivisa, del gravissimo torto subito?   La giustizia capace di abbracciare la complessità del mondo è quella che afferma un concetto semplice: lo Stato e i singoli cittadini hanno il diritto-dovere di tenere alto il valore…
Leggi il resto