Bambina stuprata e uccisa. Quale pena?

Bambina stuprata e uccisa. Quale pena?

Una bambina è stata uccisa. Quale pena? Una bambina di 10 anni stuprata e poi buttata via, a morire affogata. Maria Ungureanu. Chi ha dato una morte terribile a una bambina di appena 10 anni cosa merita? Pietà? Perdono? Amore? Un'altra possibilità perché "non voleva? Io sono per il libero arbitrio. Chi non paga le tasse quando viene scoperto dice che non voleva. C'è pietà per lui? No. (A meno che non sia un ultra miliardario!). Se non paghi il mutuo ti portano via la casa? (Si). Chi uccide alla fine ha sempre una ragione, reale (e non esiste) o…
Leggi il resto
Pedofilia, parla Massimiliano Frassi

Pedofilia, parla Massimiliano Frassi

Massimiliano Frassi è il fondatore dell’Associazione Prometeo onlus, che da diversi anni si occupa di lotta alla pedofilia. Lavora per creare una presa di coscienza del problema da parte della società.  Massimiliano come hai cominciato questo percorso nel sociale? Ho cominciato come obiettore di coscienza occupandomi di disagio grave negli adulti. Mi sono buttato dentro queste vite alla deriva: drogati, alcolizzati, vagabondi e mi sono trovato assunto in un centro di ascolto alla stazione. Da lì ho cominciato a fare conferenze con l’intento di sensibilizzare la gente su queste realtà che facevano paura ma che devono essere conosciute per poterle…
Leggi il resto
Pedopornografia e pedofilia in Italia

Pedopornografia e pedofilia in Italia

Pedo - pornografia e pedofilia. Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l’attività di investigazione rivolta alla prevenzione e al contrasto dell’utilizzo della rete web come strumento di sfruttamento a sfondo sessuale e pedo-pornografico del minore. L’organo preposto per il monitoraggio costante della rete sulle attività pedo-pornografiche è la Polizia Postale e delle Comunicazioni. Dal 1998 al primo semestre 2005 (ultimi dati statistici elaborati) l’attività investigativa ha coinvolto circa 178mila siti web, comportando: la decisione di realizzare 2.882 perquisizioni e di denunciare (in stato di libertà) 3.011 persone…
Leggi il resto