Per chi uccide niente sconti!

Per chi uccide niente sconti!

Milano in questi giorni sembra la scena di un film horror o western. Prima un uomo si aggira per la città in cerca di persone sulle quali sfogare la propria violenza, le proprie frustrazioni. Poi un altro che si sente offeso estrae una pistola e spara al datore di lavoro e a suo figlio di soli 22 anni. Ed ecco che il sistema si mette in moto per capire quale sia il movente, perché sarà quel movente a determinare l’entità della condanna alla quale, tra l’altro, non corrisponderà mai una pena effettivamente scontata. E mai giusta, perché non è il…
Leggi il resto