Bambina stuprata e uccisa. Quale pena?

Bambina stuprata e uccisa. Quale pena?

Una bambina è stata uccisa. Quale pena? Una bambina di 10 anni stuprata e poi buttata via, a morire affogata. Maria Ungureanu. Chi ha dato una morte terribile a una bambina di appena 10 anni cosa merita? Pietà? Perdono? Amore? Un'altra possibilità perché "non voleva? Io sono per il libero arbitrio. Chi non paga le tasse quando viene scoperto dice che non voleva. C'è pietà per lui? No. (A meno che non sia un ultra miliardario!). Se non paghi il mutuo ti portano via la casa? (Si). Chi uccide alla fine ha sempre una ragione, reale (e non esiste) o…
Leggi il resto
Le leggi come la pancia della mamma

Le leggi come la pancia della mamma

Le leggi come la panica della mamma? Sì. Pensaci. C'è un giorno nella tua vita, un giorno importante, credo che non ce ne siano altri così importanti. Quel giorno tua madre e tuo padre sono in fibrillazione. Lei ha paura del dolore che arriva piano ma poi diventa così forte che ti sembra di morire. Lui suda, si agita, cammina avanti e indietro e forse vorrebbe essere al posto suo. Fa male. Fa tanto male. Non sono sicura che un uomo sopporterebbe tutto quel male, senza offesa. Ma poi a un certo punto esce la testolina. Quell'esserino non è poi…
Leggi il resto
Bambini strappati ai genitori

Bambini strappati ai genitori

Bambini contesi tra famiglie e Stato. Spesso i diritti dei bambini sono all'ultimo posto. Bambini contesi. L’Associazione per la tutela della Vita e della Persona Italia Vera, denuncia quanto tutto il paese ha visto nel filmato mandato in onda a "Chi L’Ha Visto?" relativo al caso di Padova.  “Una violenza inammissibile in uno Stato civile – afferma la presidente Barbara Benedettelli – è stata lesa la dignità di una persona, perché un bambino è una persona, trattato in modo disumano e degradante. Dal Presidente della Repubblica ci aspettiamo un intervento con carattere d’urgenza verso quelli che sono comunemente definiti “rapimenti di Stato”.  Ciò che è accaduto…
Leggi il resto
Il bambino che ci ha fatto piangere

Il bambino che ci ha fatto piangere

Il bambino che ci ha fatto piangere. Quanti come lui? Ciao Lorenzo. Da lassù cambia il mondo! Un meraviglioso bambino è volato in cielo a causa della stupidità di noi uomini e donne di questa epoca assurda, superficiale e vigliacca. Stiamo distruggendo tutto e neanche ce ne accorgiamo presi come siamo da questo vuoto immenso che non è solo nei nostri cuori, ma ovunque. Una voragine che abbiamo creato convinti che dentro quella voragine si possa esistere meglio di come si potrebbe invece esistere in un''altra profondità, quella dell'anima che abbiamo abbandonato. Basta, maledizione, con questo nulla. Basta.! Amore, solo…
Leggi il resto
Pedofilia, parla Massimiliano Frassi

Pedofilia, parla Massimiliano Frassi

Massimiliano Frassi è il fondatore dell’Associazione Prometeo onlus, che da diversi anni si occupa di lotta alla pedofilia. Lavora per creare una presa di coscienza del problema da parte della società.  Massimiliano come hai cominciato questo percorso nel sociale? Ho cominciato come obiettore di coscienza occupandomi di disagio grave negli adulti. Mi sono buttato dentro queste vite alla deriva: drogati, alcolizzati, vagabondi e mi sono trovato assunto in un centro di ascolto alla stazione. Da lì ho cominciato a fare conferenze con l’intento di sensibilizzare la gente su queste realtà che facevano paura ma che devono essere conosciute per poterle…
Leggi il resto
Onu: violenza contro i bambini

Onu: violenza contro i bambini

Onu, studio sulla violenza contro i bambini. Almeno 53.000 sono stati assassinati nel 2002 in tutto il mondo. Tra il 20 e il 65% dei bambini in età scolare dichiarano d'esser stati vittime di atti fisici o verbali di bullismo nei 30 giorni precedenti l'intervista 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini sotto i 18 anni sono stati sottoposti nel 2002 a rapporti sessuali forzati o ad altre forme di violenza che includono il contatto fisico molesto Un numero variante tra 100 e 140 milioni di donne e ragazze hanno subito, su scala mondiale, una qualche forma di mutilazione o taglio dei genitali. Nell'Africa Sub-Sahariana, Egitto e Sudan…
Leggi il resto
Pedopornografia e pedofilia in Italia

Pedopornografia e pedofilia in Italia

Pedo - pornografia e pedofilia. Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l’attività di investigazione rivolta alla prevenzione e al contrasto dell’utilizzo della rete web come strumento di sfruttamento a sfondo sessuale e pedo-pornografico del minore. L’organo preposto per il monitoraggio costante della rete sulle attività pedo-pornografiche è la Polizia Postale e delle Comunicazioni. Dal 1998 al primo semestre 2005 (ultimi dati statistici elaborati) l’attività investigativa ha coinvolto circa 178mila siti web, comportando: la decisione di realizzare 2.882 perquisizioni e di denunciare (in stato di libertà) 3.011 persone…
Leggi il resto
Giornata mondiale dei Diritti Umani

Giornata mondiale dei Diritti Umani

GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI UMANI, VERSO UNA CARTA DEI DOVERI Una giornata mondiale per ricordare che ci sono diritti ma anche doveri. Mai come ora è importante celebrare questa giornata  Mai come ora è importante celebrare la giornata mondiale dei diritti umani. Diritti sempre più estesi, ma sempre meno tutelati da uno Stato che sta indebolendo ciò che Bobbio definì il verso della medaglia che li contiene, i doveri. Il dovere, come da vocabolario, è una "legge morale, non necessariamente scritta ma comunque riconosciuta dalla coscienza, che impone di osservare gli impegni che ognuno contrae con gli altri per il fatto stesso…
Leggi il resto
Mamma, quello è buono o cattivo?

Mamma, quello è buono o cattivo?

Mamma, quello è buono o cattivo? Difficile rispondere a un bambino... La distinzione tra il bene e il male non è sempre chiara, ma non va mai persa la voglia innata di cercare il filo rosso che li separa. Il mio secondogenito Alessandro, a soli tre anni, ci chiedeva continuamente dove si trovasse l’uno e dove stesse l’altro: «Mamma, quello è buono o cattivo?», «Ma perché è buono? Perché è cattivo?» «Ma il buono ha la pistola? E il cattivo? Perché la pistola del buono è nera come quella del cattivo?» «Mamma, ma io sono buono? Perché la gente è cattiva?…
Leggi il resto