La vita va difesa e deve avere un “prezzo”

La vita va difesa e deve avere un “prezzo”

La vita, va difesa. Smettiamo di maltrattarla, spezzarla, buttarla via  "La nostra vita qui e ora è una condicio sine qua non, una condizione senza la quale non c’è null’altro. Possiamo permetterci di svalutarla? Possiamo permetterci di trattarla come carta straccia, come oggetto del desiderio, come mera illusione? Possiamo disprezzarla al punto da perdonare con facilità chi la frantuma? Davvero la libertà pesa più della vita? Un giovane Vittorio Foa, dal carcere in cui si trovava a causa delle sue idee politiche, scriveva che «Ogni vera libertà non può esprimersi altrimenti che nel poter scegliere come rinunciarvi». Ebbene, chi fa del…
Leggi il resto

Eluana Englaro, Vita o non Vita?

Da una parte un Governo attento, coinvolto, umano, che cerca di salvare una vita. Che ha il dovere, anche etico, di salvare una vita. Dall'altra una coltre troppo grande, tristemente grande, di persone che usano una tragedia umana per tentare di riemergere dall'ombra. Ancora una volta, anche su un fatto che colpisce le coscienze di ogni uomo, che costringe a riflettere sul mistero della vita anche chi generalmente “viaggia” nella comoda superficialità, ancora una volta c'è tanta gente capace di sfruttare l'evento per un tornaconto personale. E non lo fa a causa del solo “sentimento” davvero lecito in questa vicenda,…
Leggi il resto
Poesie

Poesie

Le poesie di Barbara Benedettelli Io, il tempo e la Vita Lo rincorriamo per tutta la vita il tempo poi, allo scoccare dell'ultima ora, ci accorgiamo che lui, beffardo, continua il suo cammino senza di noi. Gli abbiamo dato ogni istante senza fermarci mai ad ascoltare solo la vita. che il tempo neanche sa cosa sia. Per lei non è numero di ore vissute che conta, ma l'averla vissuta... al di là del tempo. (B.Benedettelli 2014)  © Ho paura ho paura dei sogni e dei desideri ho paura di sentirmi fragile e sola ho paura di scoprirmi una vagabonda alla continua…
Leggi il resto
Lutto per la morte di un’amica

Lutto per la morte di un’amica

Lutto per la morte di un'amica e la voglia di tenerla viva. Oggi per me è una giornata triste, infinitamente triste.... a volte le persone si allontanano non perché vogliono, ma perché qualcosa di più grande ce le porta via e tu pensi alla vita, la tua, la loro, la nostra. Pensi ai momenti vissuti insieme, a quelli persi. Ti viene in mente un sorriso, una frase, il tono della voce alla quale non avevi mai fatto caso. Un incontro mancato e uno vissuto con intensità magari nel fare una battaglia comune. E ti tornano alla mente tutti coloro che…
Leggi il resto
Il tempo e la vita

Il tempo e la vita

E' già #venerdì. Guardi l’orologio e ti sembra che solo un minuto fa erano due ore prima di adesso. Il #tempo inesorabile vola fregandosene di te, del tuo fare senza sosta che a volte è solo fisico, perché il #pensiero guarda altrove. Guardi avanti e pensi di non averne, di tempo, per tutto ciò che vorresti fare da qui all’ultimo giorno di una #vita. Poi ti volti indietro e ti accorgi che anche solo 47 anni sono un’enormità, che di vite ne hai vissuta più di una. E quando pensi ai tuoi anni, ai tuoi giorni, e alle migliaia di…
Leggi il resto

Lentamente muore ( ode alla vita)

"Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marcia, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. Muore lentamente chi fa della televisione il suo guru. Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle “i” piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all’errore e ai sentimenti. Lentamente muore chi non capovolge il tavolo quando è infelice…
Leggi il resto
Certezza della pena

Certezza della pena

Certezza della pena = garanzia di libertà, di vivere. Oppure saranno morti annunciate.  Un precedente per omicidio volontario, una condanna a 18 anni (scontata del tutto?) e poi un altro delitto “colposo”. Questi sarebbero i precedenti di Mario Broccolo, il presunto, per ora, assassino di Alessandra Lacullo, uccisa tra Ostia e Acilia giovedì scorso. Perché un uomo notoriamente violento, che aveva già ucciso, ha potuto farlo ancora? Al di là del genere della Vittima e delle dinamiche dell’omicidio, che valore ha la vita umana? Mi viene in mente una frase di Vittorio Foa: «Ogni vera libertà non può esprimersi altrimenti che…
Leggi il resto