Solitudine profonda…

Solitudine profonda…

Solitudine profonda, ecco come la vive chi affronta il carcere Condivido con voi la poesia di un detenuto che ha partecipato al laboratorio di lettura e scrittura creativa nella Casa di reclusione di Milano-Opera. Nella solitudine profonda davanti a un nero quadro di spavento sento un freddo tenebroso che avvolge l'anima. E tra singulti e orrori cresce il dolore del mio dolore e mi inginocchio su un piccolo tappeto per elevare la solita preghiera fino all'arrivo dell'alba e di quello spiraglio di luce che illumina la mia anima che è una tomba che cammina. A.B.  Laboratorio di lettura e scrittura…
Leggi il resto
Diario

Diario

Diario APRILE 2014   E poi guardi l'orologio e ti sembra che solo un minuto fa erano due ore prima di adesso. Il tempo inesorabile vola fregandosene di te, del tuo fare senza sosta che a volte è solo fisico, perché il pensiero guarda altrove. Guardi avanti e pensi di non averne, di tempo, per tutto ciò che vorresti fare da qui all'ultimo dei tuoi giorni. Poi ti volti indietro e ti accorgi che anche solo 45 anni sono un'enormità che ti ha permesso di vivere più vite. E quando pensi ai tuoi anni, ai tuoi giorni, e alle migliaia…
Leggi il resto
Poesie

Poesie

Le poesie di Barbara Benedettelli Io, il tempo e la Vita Lo rincorriamo per tutta la vita il tempo poi, allo scoccare dell'ultima ora, ci accorgiamo che lui, beffardo, continua il suo cammino senza di noi. Gli abbiamo dato ogni istante senza fermarci mai ad ascoltare solo la vita. che il tempo neanche sa cosa sia. Per lei non è numero di ore vissute che conta, ma l'averla vissuta... al di là del tempo. (B.Benedettelli 2014)  © Ho paura ho paura dei sogni e dei desideri ho paura di sentirmi fragile e sola ho paura di scoprirmi una vagabonda alla continua…
Leggi il resto
Il tempo e la vita

Il tempo e la vita

E' già #venerdì. Guardi l’orologio e ti sembra che solo un minuto fa erano due ore prima di adesso. Il #tempo inesorabile vola fregandosene di te, del tuo fare senza sosta che a volte è solo fisico, perché il #pensiero guarda altrove. Guardi avanti e pensi di non averne, di tempo, per tutto ciò che vorresti fare da qui all’ultimo giorno di una #vita. Poi ti volti indietro e ti accorgi che anche solo 47 anni sono un’enormità, che di vite ne hai vissuta più di una. E quando pensi ai tuoi anni, ai tuoi giorni, e alle migliaia di…
Leggi il resto
Chi muore resta sul fondo del mare…

Chi muore resta sul fondo del mare…

E' sul fondo del mare, che secondo Montale, si posa la memoria delle persone scomparse. Il ricordo di un uomo è lì, schiacciato sotto il peso di un abisso che pochi possono attraversare. Chi muore vive senza esistere dentro chi l'ha amato in giorni di un passato che non ha più futuro. Non è più vivo per la terra, per la legge, per la giustizia, ma esiste ancora in chi è stato parte del suo destino. E questo, la legge, come la giustizia umana, non lo possono cancellare.     So che si può vivere non esistendo, emersi da una…
Leggi il resto