Home / Notizie utili / Sentenza Cassazione su risarcimenti Vittime
Le mie dimissioni dalla politica attiva
Le mie dimissioni dalla politica attiva. Barbara Benedettelli Blog

Sentenza Cassazione su risarcimenti Vittime

Il giudice civile di Roma ha condannato il governo e risarcire 80 mila euro a Anna Maria Giannone, madre di Jennifer Zacconi, uccisa al nono mese di gravidanza e sepolta in una buca. La condanna è dovuta all’inadempimento della direttiva europea 80 del 2004, che conferisce alle vittime di reati  violenti, che non sono state risarcite dal reo, il diritto a percepire dallo Stato un indennizzo equo e adeguato al fatto. Spero che questa sentenza faccia giurisprudenza, sono moltissimi i familiari di persone uccise dalla criminalità comune, rovinati economicamente dalle ingenti somme spese a causa di quell’omicidio. Per le vittime di questi reati infatti non sono previsti sostegni di alcun tipo e spesso non sono più in grado di lavorare. Devono pagare tutto: funerale, psicologi, avvocati. In certi casi sono costretti a vendere i loro beni per terminare procedimenti penali che durano un’eternità. E’ ora che lo stato metta al centro del sistema le vittime, come chiede per altro la Convenzione di Istanbul per quanto riguarda i femmincidi, quale è quello di Jennifer.

Questa sentenza apre uno spiraglio di luce che dovrebbe mettere il governo nella condizione di evitare nuovi ricorsi, dando piena applicazione alla direttiva europea, ma deve anche porre in essere ogni misura in grado di prevenire queste morti. Invece ci troviamo di fronte a situazioni in cui, per non riempire le celle delle nostre prigioni, si mette ai domiciliari con moglie e figli il marito che li ha maltrattati. Follia pura.

Invece di pensare a risolvere il sovraffollamento carcerario varando provvedimenti di clemenza generalizzata come indulto e amnistia – che per altro la sentenza pilota Torregiani sconsiglia a chiare lettere – si lavori concretamente sulla prevenzione, dalla quale non può essere escluso il modello rieducativo attuale. E’ noto a chiunque, a partire da psichiatri e studiosi, che il modello attuale basato sulla premialità è fallimentare. Finché non risolviamo i problemi alla base, non potremo mai eliminare il sovraffollamento carcerario. E avremo sempre Vittime.

Fratelli d’Italia ha depositato un ddl relativo ai risarcimenti, a prima firma Edmondo Cirielli, che stabilisce un principio generale di tutela per le vittime impegnando lo Stato a garantire loro assistenza e sostegno non solo economico. Il ddl prevede l’ introduzione dell’articolo 187-bis del codice penale in materia di risarcimento dei danni da parte dello Stato in favore delle Vittime, anche quando le persone lo diventano a causa di liberazioni anticipate dei rei (individuali o collettive), che mettendo a rischio la sicurezza dei cittadini.

Se a colpire il cittadino è una persona che beneficia di misura non restrittiva della libertà personale, o di libertà anticipata, il danno patrimoniale o non patrimoniale cagionato dal reato deve essere a carico dello Stato. Per consentire alle già numerose vittime dei criminali liberati con l’indulto del 2006 di ottenere un ristoro alle loro sofferenze, la presente proposta di legge stabilisce un effetto retroattivo delle sue disposizioni al 1° agosto 2006.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

50 Sfumature di Violenza – Booktrailer

50 Sfumature di Violenza di Barbara Benedettelli
x

Check Also

Reato omicidio stradale, cosa cambia

REATO DI OMICIDIO STRADALE - L'omicidio stradale colposo diventa reato a sé. Rimane nell'ambito del colposo ma viene distaccato e regolato diversamente da altri omicidi colposi come quelli sul lavoro o in sala operatoria, per esempio.