Home / Vita da mamma / Mamma, quello è buono o cattivo?
Alessandro e la sua filosofia

Mamma, quello è buono o cattivo?

Mamma, quello è buono o cattivo? Difficile rispondere a un bambino…

La distinzione tra il bene e il male non è sempre chiara, ma non va mai persa la voglia innata di cercare il filo rosso che li separa. Il mio secondogenito Alessandro, a soli tre anni, ci chiedeva continuamente dove si trovasse l’uno e dove stesse l’altro:

«Mamma, quello è buono o cattivo?», «Ma perché è buono? Perché è cattivo?» «Ma il buono ha la pistola? E il cattivo? Perché la pistola del buono è nera come quella del cattivo?» «Mamma, ma io sono buono? Perché la gente è cattiva? Papà, ma i topi sono cattivi? Perché ci sono cani buoni e cani cattivi?»

«Mamma, ma perché la gente deve morire?»

 

Come fa un bimbo in così tenera età ad avere dentro questi concetti? Forse li ha perché il nostro quotidiano non è più in grado di tenerli lontano e loro, i bambini, sono sempre più svegli, più intelligenti. Ascoltano i discorsi dei grandi, anche quando sembrano distratti da un giochino che hanno visto sullo scaffale del supermercato, o mentre al mare fanno castelli di sabbia e noi, i grandi, chiacchieriamo senza levargli gli occhi di dosso per controllare che non si facciano male, che nessuno li porti via da noi: una paura che ha ogni genitore.

Il male non fa discriminazioni di sorta: è una specie di “giustizia nera”, come la morte. I bambini lo sanno. Sentono le angosce dei grandi verso un mondo che oggi conosciamo meglio anche nel suo lato cannibale. Non è indispensabile parlare in casa degli uomini cattivi che portano via i bambini regalandogli caramelle, di quelli che ammazzano gli altri con i coltelli trovati in cucina o con le pistole che tengono in casa “legalmente”. Non è indispensabile lasciare accesa la tv sulla violenza, proposta ormai in percentuale sempre più elevata a ogni ora del giorno e della sera, in ogni forma e in ogni contenuto. La violenza si respira, è nell’aria, nel nostro sguardo preoccupato quando ai giardinetti vediamo quattro uomini che discutono con i volti contratti scambiandosi “caramelle” e denaro; o quando un signore di mezza età, che si tocca spesso i testicoli guardando con insistenza i nostri bambini, ci irrita e ci costringe a portarli via. Noi abbiamo paura, i bambini lo sentono e va bene così. Perché se da una parte devono aprirsi agli altri e al mondo per poter crescere sani ed evolvere, dall’altra devono essere coscienti che il male c’è e che se non lo riconosci vince senza che tu abbia avuto la possibilità di reagire. ©

Tratto da Vittime per Sempre di Barbara Benedettelli

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

50 Sfumature di Violenza – Booktrailer

50 Sfumature di Violenza di Barbara Benedettelli
x

Check Also

Per il tuo compleanno ti regalo il futuro

Il mio primogenito oggi compie 19 anni. Da qualche giorno ha cominciato l’Università e visto ...