Giustizia sfumata nel buonismo di chi è per l’immigrazione incontrollata.

Dov’è finita la mia bella Rimini? Dov’è la Romagna felix che trent’anni fa potevo girare in lungo e in largo da sola, giorno e notte, senza paura?

La scorsa estate sulle stesse spiagge nelle quali da adolescente correvo felice anche la sera, c’è stato uno stupro da arancia meccanica. Pochi giorni fa, all’alba, una giovane turista ha subito violenza in uno dei viali di maggiore passaggio che legano la Rimini felliniana a quella che un tempo era chiamata la Perla Verde: Riccione.

Quante volte, a vent’anni, l’ho percorsa in bicicletta mentre sorgeva il sole, per andare a mangiare bomboloni sulla battigia. Luoghi dell’anima, oggi Off Limits.

Oggi i bagnini sono costretti a pagare guardie armate. Ieri si tirava tardi per fare il bagno nel mare nero, stupendosi ogni volta del bianco dei corpi baciati dalla luna. Ho festeggiato cosi il mio diciottesimo compleanno.

Ricordo la corsa gioiosa fino a riva per tuffarsi per primi in quel mare che mi aveva accolta già a pochi giorni dalla nascita. Adesso si rischia la vita.

Oggi le spiagge, come le strade, in certi orari sono diventate terra di nessuno, dove “nessuno” sta a indicare quegli uomini senza nome, senza patria, senza freni che arrivano proprio dal mare.

Alcuni di loro sono brave persone in cerca di una vita migliore. Che però dovrebbero cercare seguendo vie legali. Altri, non molti secondo le statistiche, scappano dalle guerre che ancora devastano il mondo.

Poi ci sono i delinquenti. Quelli che non scappano dalle guerre, ma dalle prigioni, dalla polizia del loro paese, oppure da altri delinquenti ai quali hanno fatto torti. Qui ci vengono certi dell’impunità. Liberi di rubare beni e corpi da sfruttare o intere esistenze.

Il bengalese che ha violentato la turista danese lo scorso 26 agosto, era già stato denunciato tre volte per lo stesso reato. Perché era libero?

Per quanto riguarda i reati più schifosi contro la persona la percentuale di stranieri è allarmante se paragonata al numero di coloro che sono entrati legalmente o meno nel nostro paese.

Prendiamo le denunce e i dati del Viminale (non consolidati) tra l’1 agosto 2016 e il 31 luglio 2017: 3.942 violenze sessuali di cui il 37,5% commesse da stranieri. Significa che 1480 persone non sarebbero state vittime se non fossimo un paese masochista.

Come giustifica questi delitti chi è per l’immigrazione incontrollata? E’ fisiologico? E un male necessario?

In questi giorni al mare in Versilia mi sono spesso sentita a disagio in costume di fronte ai cosiddetti vucumprà, che per riposarsi sceglievano tranquillamente una tenda libera dove si accomodavano senza dover pagare, come invece fanno i comuni mortali con regolare iscrizione all’anagrafe, anche tributaria.

Ti guardano, ti scrutano. Per alcuni di loro una donna in bichini è un invito. Così mi sono vestita, perdendo un pezzetto della mia libertà.

Quando due poliziotti hanno provato a mandarli via sono stati subito accerchiati. Un nordafricano ha sputato a uno dei due dicendo, ai poliziotti, che loro lì non ci possono stare. I poliziotti non ci possono stare, capito?

Chi ha assistito alla scena, me compresa, ha avuto paura. Dopo pochi minuti i venditori abusivi hanno ricominciato il loto tour per vendere merce contraffatta. Solo questo, tra l’altro, un reato penale. Che però, “in quanto immigrati clandestini”, loro evidentemente possono svolgere alla luce del sole.

In barba alla legge, anche grazie a quei clienti fissi che se ne fottono delle regole in nome di un presunto buon cuore.

Tutto questo è giusto? Perché alla fine non si tratta di razzismo ecc. ecc. Ma di giustizia. Di sicurezza. Di libertà. Io le vedo sfumare sempre di più.

Barbara Benedettelli


Barbara Benedettelli

Barbara Benedettelli è giornalista, saggista, attivista per i diritti delle Vittime di ogni forma di violenza.