Home / Citazioni e aforismi / Freud sull’uccidere

Freud sull’uccidere

Sigmund Freud ne Il disagio della civiltà afferma che  l’uomo non è solo “una creatura mansueta, bisognosa d’amore, capace, al massimo, di difendersi se viene attaccata; (…) occorre attribuire al suo corredo pulsionale anche una buona dose di aggressività. Ne segue che egli vede nel prossimo non soltanto un eventuale aiuto e oggetto sessuale, ma anche un invito a sfogare su di lui la propria aggressività, a sfruttare la forza lavorativa senza ricompensarlo, ad abusarne sessualmente senza il suo consenso, a sostituirsi a lui nel possesso dei suoi beni, ad umiliarlo, a farlo soffrire, a torturarlo e a ucciderlo. Homo Homini lupus: chi ha il coraggio di contestare quest’affermazione dopo tutte le esperienze della vita e della storia? (…) ”

“Nei nostri moti inconsci noi sopprimiamo ogni giorno e ogni ora tutti coloro che ci sbarrano la via, che ci hanno offeso o danneggiato. (…) il nostro inconscio uccide anche per piccolezze; non conosce per i delitti altra pena che la morte, e questo con una certa sua consequenzialità logica, dato che ogni torto recato al nostro onnipotente e autocratico Io, è in fin dei conti un crimen laesae maiestatis [crimine di lesa maestà] “

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

50 Sfumature di Violenza – Booktrailer

50 Sfumature di Violenza di Barbara Benedettelli
x

Check Also

anne-frank

La speranza nonostante tutto

La forza della speranza. Ecco la difficoltà di questi tempi: gli ideali, i sogni, le ...