Il senso di solitudine dopo il divorzio può essere forte. Ma la fine del matrimonio può essere opportunità per crescere.

Dopo la fine del mio primo matrimonio mi sono sentita sola. Penoso pensare che avevo perso tanto tempo costruendo un castello di sabbia. Ma e’ stato un tempo necessario. Una volta che quanto avevo creduto eterno si è sgretolato tra le mie dita, sono stata costretta a guardare con lucidità il deserto in cui mi trovavo.

Sono stata obbligata a prendere coscienza della bugia che inconsapevolmente mi aveva sorretta fin lì.

Ma nella solitudine ho conosciuto l’essere dai molteplici aspetti che mi abita e ho potuto danzare su quella stessa spiaggia nella quale prima avevo pianto.

C’è stato un periodo, dopo la fine del matrimonio, in cui mi sono sentita abbandonata dal mondo, ma non ho mai abbandonato me stessa. Non ho mai chiuso le porte all’universo variopinto che ognuno di noi ha dentro e, amalgamando i colori dell’anima, ho trovato la mia integrità.

Quando una storia importante finisce, dobbiamo fare i conti con la solitudine. Che sia un amore o un’amicizia importante o un rapporto di lavoro. Quella che a prima vista ci spaventa è la solitudine oggettiva, esteriore.

La solitudine vera è, invece, quella interiore ed emotiva. Si può essere soli in mezzo a cento persone più di quanto non lo si sia in compagnia di se stessi.

Generalmente l’isolamento è percepito come un nemico da cui fuggire.

In realtà, se non ci facciamo prendere dalla disperazione, scopriremo che si tratta invece di uno stato psicologicamente fecondo: mentre c’invade la nostalgia del compagno che abbiamo perso, e quando ancora è solo un embrione il desiderio di colui che deve ancora venire, possiamo trovare dentro di noi quella donna inedita che poi sarà la protagonista del suo prossimo destino.

Nella perdita di qualcosa a cui abbiamo dato tutte le nostre risorse senza risparmiarci, la solitudine assume l’aspetto di un mostro terribile.

Quando il bisogno di colmare il vuoto ci ha indotto a regalare tasselli della nostra anima, in cambio di illusioni impalpabili con cui riempirlo, la solitudine ci appare ancora più insopportabile.

Ci mancano frammenti di noi stessi, ma è proprio nella solitudine che li ritroviamo.

Nell’apparente ritiro dell’io ritroviamo la nostra integrità. Puoi finalmente dire:

“Io Sono”. 

Barbara Benedettelli (da Punto e a Capo – Mondadori, 2004)


Barbara Benedettelli

Barbara Benedettelli è giornalista, saggista, attivista per i diritti delle Vittime di ogni forma di violenza.