Breaking News
Home / Uncategorized / Bimbi uccisi dal padre: un appello
padre uccide figli

Bimbi uccisi dal padre: un appello

Corriere della Sera 21 luglio 2013

Il caso dei due bimbi uccisi dal loro padre, niente pietas

Caro Direttore,

vorrei fare un appello: non trasformiamo il padre che ha ucciso i suoi figli in una vittima (Corriere, 17 luglio). Dobbiamo fare un salto morale, a partire dal fatto che non possiamo chiamare amore quello che vuole possedere le vite altrui. Oggi la tutela delle libertà individuali supera il diritto naturale alla vita; dobbiamo avere ben chiara la profondità delle azioni, il loro effetto. Gli atti di Iacovone, tutti, vanno condannati. Vietata la retorica della «pietas» per lui. Sia riversata invece sulle Vittime (quelle vere), i bambini e la loro madre. Iacovone è colpevole. Come lo è lo Stato che attraverso vecchie e nuove leggi, o una loro applicazione troppo suscettibile all’interpretazione dei giudici e alla loro visione del mondo, sta invertendo l’oggetto di tutela, indebolendo il recinto che abbiamo costruito per proteggerci dal lato peggiore di noi stessi. Dobbiamo invece condannare con determinazione chi compie i reati contro la persona, puniti paradossalmente meno di quelli contro il patrimonio. Come se valessimo meno di ciò che possediamo. Iacovone era stato denunciato più volte per stalking, ma nessuno ha pensato che fosse urgente allontanarlo dalla famiglia, anche ricorrendo all’«extrema ratio» del carcere. «Te li porto via e li ammazzo», un’affermazione gravissima di 10 giorni prima della tragedia. Se l’avessero fatta a un deputato, a un ministro, la loro famiglia avrebbe avuto la scorta. Quante persone «normali» invece sono costrette a morire perché inascoltate? In un mondo in cui la parola predomina su tutto, non riconosciamo più in esse una violenza che può diventare solida. Perché si parla troppo e senza responsabilità. E nonostante sia tardiva la denuncia verso la violenza delle parole che vede Calderoli «alla sbarra», è bene che questa denuncia sia arrivata e mi auguro che da ora non si facciano eccezioni né tra i politici, né tra la gente comune. Le parole hanno un peso. Liberiamoci dalla paura di punire, perché come scriveva Bobbio «Malversazione, abuso, sopraffazione non sono quelli di uno Stato che imprigiona stupratori o assassini, sono quelli che gli stessi compiono». Non dimentichiamolo quando l’evento è passato. È passato per chi il male lo ha fatto, non per chi lo ha subito. Quando si parla di certezza della pena non si è giustizialisti, vendicativi. La certezza (come l’immediatezza) della pena è un bene di tutti. È la base dello Stato di diritto. È ciò che distingue la legge da una semplice affermazione. È quello, per usare le parole di Beccaria, che induce gli uomini a non commettere illeciti. Il perdono è un sentimento privato, non può perdonare lo Stato, non può farlo a scapito delle vite innocenti che a causa di quel perdono sono costrette a morire ammazzate.

Barbara Benedettelli

Scarica L’articolo allegato articolo_1_corriere

Check Also

Jimmy Bennett non creduto in quanto maschio

Post Views: 1.765 Jimmy Bennet non credibile come vittima perché maschio? Jimmy Bennett se fosse …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

50 Sfumature di Violenza di Barbara Benedettelli