Home / Uncategorized / 25 aprile 2014: due anni e nulla è cambiato.

25 aprile 2014: due anni e nulla è cambiato.

Due anni fa, il 25 aprile, con centinaia di familiari di Vittime di omicidio eravamo in piazza Cavour a Roma, davanti la Corte di Cassazione, uniti con lo scopo di contrastare le continue richieste di amnistia generalizzata, e di rimarcare, specie per tutti i reati contro la vita e la persona, l’importanza deterrente e riparativa della pena. Il Sit-in aveva inoltre l’obiettivo di tenere alta l’attenzione sul grave e ricorrente problema degli omicidi stradali. Abbiamo chiesto a tutti gli organi dello Stato un impegno urgente e concreto, in grado di rallentare la strage quotidiana degli innocenti che avviene sulle nostre strade.

L’impunità verso chi compie l’omicidio stradale è la norma. Le condanne non corrispondono a pene effettive e inderogabili, non c’è dunque un deterrente capace di prevenire, educare per davvero il reo e dare un giusto Valore alla Vita. Son passati due anni, abbiamo un premier che nel suo discorso di insediamento ha citato il caso di Lorenzo Guarnieri e ha detto che le Vittime meritano Giustizia. A oggi ancora nulla. L’introduzione del reato di omicidio stradale non è stata neanche calendarizzata. Mi auguro che si smetta di lanciare belle parole e si cominci a dare seguito immediato a quelle parole. Perchè ogni giorno che passa sono almeno 11 vite perdute per sempre, insieme alle esistenze dimezzate di chi resta.  

@bbenedettelli

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

50 Sfumature di Violenza – Booktrailer

50 Sfumature di Violenza di Barbara Benedettelli