Home / 2013 / settembre

Archivi Mensili: settembre 2013

Combatti la devastazione a partire da te. Camus

camus

Albert Camus “Qualunque cosa facciamo, la dismisura serberà sempre il suo posto entro il cuore dell’uomo, nel luogo della solitudine. Tutti portiamo in noi il nostro ergastolo, i nostri delitti e le nostre devastazioni. Ma il nostro compito non è quello di scatenarli attraverso il mondo; sta nel combatterli in noi e negli altri.” “[L]’assassino nella maggior parte dei casi, si sente innocente quando uccide. Ogni criminale assolve se stesso ...

Leggi Articolo »

    Carotenuto: Le lacrime del male

    È difficile, dinanzi a eventi che scardinano l’ordine della nostra vita, che irrompono con violenza a turbare i nostri equilibri, essere consapevoli della necessità di questo male. Essere consapevoli che ogni tassello, anche il più inquietante, alieno, incontrollabile, può avere un senso che noi capiremo dopo, in un tempo ancora a venire. È difficile per la nostra ragione immaginare la possibilità che anche ciò che consideriamo male, nelle sue svariate ...

    Leggi Articolo »

      Per il tuo compleanno ti regalo il futuro

      Il mio primogenito oggi compie 19 anni. Da qualche giorno ha cominciato l’Università e visto che deve contribuire alla vita familiare economicamente, invece di passare il tempo libero al pc a lamentarsi che tanto non troverà un lavoro – perché dicono che non c ‘è allora tanto vale non cercarlo – è uscito e ha cominciato a cercarlo.

      Leggi Articolo »

        Responsabilità civile Magistrati

        magistrati

        Un uomo può picchiare brutalmente la compagna per l’ennesima volta, senza subire né la carcerazione, né un processo per direttissima, né un trattamento psicologico. E tutto questo il più delle volte lo scopriamo quell’ennesima volta in cui riesce a ucciderla. Amen. Casi come quello di Pesaro ne accadono ogni giorno. A cosa serve avere firmato la Convenzione di Istanbul se a un uomo che massacra la moglie ( e che lo ha già fatto altre ...

        Leggi Articolo »

          Marta e Ilaria: nessuno è innocente

          Marta e Ilaria sono morte e siamo tutti colpevoli. Le punizioni devono essere efficaci, proporzionali, dissuasive e tenere conto della gravità del fatto compiuto come afferma l’art.45 della Convenzione di Istanbul, ma per salvare vite occorre agire prima, con durezza, reprimendo già i reati anticipatori anche se, erroneamente, considerati minori. Due giovani donne, Marta Deligia e Ilaria Pagliaruolo, non sarebbero morte se ognuno, in qualsiasi ruolo, avesse fatto il suo dovere con la piena ...

          Leggi Articolo »

            Perché aveva il porto d’armi? – marzo 2013

            Leggi Articolo »

              Proposta reato omicidio stradale colposo – marzo 2013

              Leggi Articolo »
                50 Sfumature di Violenza di Barbara Benedettelli