Home / 2013 / maggio

Archivi Mensili: maggio 2013

Giovanni Falcone

Falcone

“La mafia, lo ripeto ancora una volta, non è un cancro proliferato per caso su un tessuto sano. Vive in perfetta simbiosi con la miriade di protettori, complici, informatori, debitori di ogni tipo, grandi e piccoli maestri cantori, gente intimidita o ricattata che appartiene a tutti gli strati della società. Questo è il terreno di coltura di Cosa Nostra con tutto quello che comporta di implicazioni dirette o indirette, consapevoli ...

Leggi Articolo »

    I Kabobo e l’imputabilità

    Tre persone massacrate per caso forse resteranno senza un colpevole. Il Procuratore ha chiesto la perizia psichiatrica per Kabobo, perché “emergono segni inequivocabili di una situazione di infermità mentale”. Kabobo non comprende il disvalore del suo atto. E per questo potrebbe essere giudicato non imputabile. Dunque non colpevole? E’ già accaduto. Milano fu teatro di un altro episodio simile. Lui si chiama Oleg Fedchenko. Uscendo di casa alla madre ha detto ...

    Leggi Articolo »

      Veronesi non lotti per abolire l’ergastolo

      Professor Veronesi

      Caro Professor Veronesi, la rispetto e la stimo. Ma ho l’obbligo civile e morale, oltre che umano, di rispondere alle sue affermazioni. E sono stupita dal fatto che parole di sostegno a chi vuole abolire l’ergastolo (che di fatto non c’è o si potrebbe evitare collaborando quando è ostativo) vengano da un uomo che conosce il dolore terrificante della perdita di chi si ama occupandosi da sempre di cancro. Una ...

      Leggi Articolo »

        Incapacità di intendere e volere

        Intendere e volere

        Intendere e volere, capacità presente quando si arriva a uccidere?  L’assassino spesso diventa un individuo che ha agito nella completa o nella parziale incapacità di intendere e di volere. Un po’ come quella che proviamo tutti, sostanzialmente, quando ci troviamo nella difficoltà delle scelte che ci presenta la vita. Solo che nell’assassino l’uomo consapevole verrebbe separato da quello istintivo perché, secondo parte della psichiatria forense, «l’Io uccide quando si spezza, per poi integrarsi ancora». Perché ...

        Leggi Articolo »

          Freud e il disagio della civiltà

          Freud e il disagio della civiltà

          Freud e il disagio della civiltà “Sono tre le fonti da cui proviene la nostra sofferenza: la forza soverchiante della natura, la fragilità del nostro corpo e l’inadeguatezza delle istituzioni che regolano le reciproche relazioni degli uomini nella famiglia, nello Stato, nella società. […] Circa la terza fonte di sofferenza […] […]on vogliamo ammetterla, non riusciamo a comprendere perché le istituzioni da noi stessi create non debbano essere piuttosto una protezione e un beneficio per tutti”. ...

          Leggi Articolo »

            Dai al mondo il meglio di te

            madre teresa di calcutta

            “L’uomo è irragionevole, illogico, egocentrico:  non importa, amalo! Se fai il bene, diranno che lo fai per secondi fini egoistici: non importa, fai il bene! Se realizzi i tuoi obiettivi, incontrerai che ti ostacola: non importa, realizzali! Il bene che fai forse domani verrà dimenticato: non importa, fà il bene! L’onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile: non importa, sii onesto e sincero! Quello che hai costruito può essere distrutto: non importa, costruisci! La gente che ...

            Leggi Articolo »

              Napoleone Bonaparte

              napoleone

              Napoleone Bonaparte afferma che:  Ci vuole più coraggio nella sofferenza che nella morte. Chi ha paura d’essere battuto sia certo della sconfitta. Impossibile: è una parola che si trova solo nel vocabolario degli stupidi.

              Leggi Articolo »
                50 Sfumature di Violenza di Barbara Benedettelli